La Pallacanestro Trapani domenica affronta in trasferta la APU Udine

Il friulani sono una delle corazzate di questo campionato

La Pallacanestro Trapani domenica affronta in trasferta la APU Udine
Scrivi -Luigi Nacci- per Consiglio comunale Erice

Penultimo avversario in questo girone di andata per la Pallacanestro Trapani, la APU Udine è una di quelle squadra che ad inizio stagione indicavamo come "ingiocabile" per i granata. Il roster a disposizione dell'esperto coach Matteo Boniciolli (nella foto) è assolutamente di livello superiore, almeno pari a quello di Cantù. Prova ne sia il fatto che attualmente Udine occupa il 2° posto in classifica proprio alle spalle di Cantù ma con una gara da recuperare. I friulani hanno dovuto fare i conti con la nuova ondata di contagi e tutt'ora hanno fermo ai box il loro capitano, Michele Antonutti, giocatore che non ha bisogno di presentazioni per via dei suoi trascorsi al piano superiore. I due americani sono la guardia Trevor Lacey, punto di riferimento assoluto della squadra e autentico lusso per la categoria e il lungo Brandon Walters, giocatore di grande sostanza e soprattutto di grande efficacia sotto canestro. Il quintetto è solitamente completato dal play Alessandro Cappelletti che fin qui sta mettendo a referto numeri da americano, dal 3/4 tattico Michele Ebeling (altro figlio d'arte dopo Alibegovic che Trapani ha incrociato la scorsa settimana) e da Nazzareno Italiano, giocatore "ruvido" di grande temperamento spesso incaricato di fare quel "gioco sporco" ma redditizio che gli allenatori adorano. Dalla panchina, si fa per dire, perché Udine, anche senza il suo capitano ha dieci giocatori dieci, si alzano i piccoli Federico Mussini, ancora non al 100% dopo il grave infortunio dello scorso anno, il play guardia di esperienza Marco Giuri, l'altro piccolo Vittorio Nobile, il tre "tattico" in quanto fisicamente strutturato, di formazione americana Ethan Esposito e il centro molto ben conosciuto da Trapani e dai trapanesi per via delle sue origini e dei suoi trascorsi siciliani, Francesco Pellegrino. Insomma Udine, sulla carta non ha punti deboli, fra l'altro al di là del bersaglio grosso, a due giornate (+1 da recuperare) dalla fine del girone di andata, lotta anche per mantenere la sua posizione tra le prime quattro, utile per le Final di Coppa Italia. Trapani si presenterà quasi al completo (mancherà il solo Tomasini) con un Gabriele Romeo confermato fino al termine della stagione e con la serenità di chi sa che non ha niente da perdere. Domenica scorsa la buccia di banana è toccata a Cantù, nel basket come in (quasi) tutti gli sport, la sorpresa può arrivare in qualsiasi momento, l'importante è farsi trovare pronti.