Trapani, lo strappo dell'Unione delle Maestranze è totale

Trapani, lo strappo dell'Unione delle Maestranze è totale

In foto, da sx: Giovanni D'Aleo e Giuseppe Lantillo

Incendio a Monte Cofano

L'arresto del sindaco di Favignana: il presidente del consiglio comunale pensava di dimettersi

L'arresto del sindaco di Favignana: il presidente del consiglio comunale pensava di dimettersi

Il presidente del consiglio comunale di Favignana, Ignazio Galuppo

Erice, colpo di scena per la vicenda dei parcheggi

Erice, colpo di scena per la vicenda dei parcheggi

Il luogo dove doveva sorgere il parcheggio

Birgi, cambio al vertice del 37° Stormo

Birgi, cambio al vertice del 37° Stormo

Il nuovo comandante, colonnello pilota Moris Ghiadoni

Diocesi di Trapani, una messa per le vittime della strage di Ustica

Diocesi di Trapani, una messa per le vittime della strage di Ustica

Il vescovo di Trapani, Pietro Maria Fragnelli

Questura di Trapani, sospesa l'attività di due locali per motivi di ordine pubblico

Questura di Trapani, sospesa l'attività di due locali per motivi di ordine pubblico

Disposta la chiusura temporanea di due locali a Marsala e Castellammare del Golfo

Trapani, prodotti ittici sequestrati dalla Guardia costiera

Trapani, prodotti ittici sequestrati dalla Guardia costiera

Scoperti 270 chili di tonno rosso e 40 chili di sarde non tracciati

Trapani, arrestato venditore ambulante con un chilo di hashish

Trapani, arrestato venditore ambulante con un chilo di hashish

La droga sequestrata in una abitazione della via Spalti

La Sicilia riapre, presentato il protocollo sicurezza di Bertolaso

La Sicilia riapre, presentato il protocollo sicurezza di Bertolaso

E' stato presentato questa mattina, primo giorno di riapertura dei confini regionali il ccordinatore per il protocollo sicurezza post riapertura della Regione Sicilia. Si tratta di Guido Bertolaso. Il consulente scelto dal governatore Nello Musumeci percepirà un euro di compenso ed alloggerà sulla sua barca. Tra le novità che riguarderanno gli spostamenti tra regioni, l'app "Sicilia Sicura", utile per il tracciamento dei turisti che sbarcheranno sull'Isola. "Non ha nulla a  che vedere con l'App Immuni - ha spiegato l'assessore alla salute Ruggero Razza - non servirà a tracciare gli spostamenti delle persone. Servirà invece a trovare personale medico ed avere aiuto ed assistenza durante il soggiorno i n Sicilia". Per quanto riguarda Bertolaso, il presidente Musumeci ha parlato di "gesto di grande generosità". "Il suo compito non è concluso - ha sottolineato il governatore - ci deve aiutare a monitorare l'applicazione del protocollo. Finita questa fase, speriamo possa aiutarci per altre attività". In questo momento però l'attenzione è concentrata sulla ripartenza. "Riapriamo senza pensare al peggio  - ha detto Musumeci - ma siamo pronti ad intervenire se il peggio dovesse presentarsi". Oltre all'App "Sicilia Sicura", il presidente ha annunciato l'istituzione di un numero verde e l'assunzione di 80 medici per dare supporto ai turisti nei luoghi a maggiore densità di visitatori. 

Un picchetto per commemorare Esposito

Un picchetto per commemorare Esposito

Un momento della commemorazione

Chi ha ucciso quella mucca?

Chi ha ucciso quella mucca?

La carcassa della mucca sotto il Villino Nasi

A chi sta dando fastidio Giovanni Parisi?

A chi sta dando fastidio Giovanni Parisi?

Un momento dell'intervento dei Vigili del Fuoco

Cosa succede nel Mediterraneo?

Cosa succede nel Mediterraneo?

Paceco, ritorna il mercatino rionale

Paceco, ritorna il mercatino rionale

Ordinanza del sindaco Scarcella

In silenzio di fronte al gip

In silenzio di fronte al gip

Sgominata banda di ladri

Sgominata banda di ladri

Mafia, maxi confisca ad imprenditore di Cinisi, c'è anche un residence di San Vito Lo Capo

Mafia, maxi confisca ad imprenditore di Cinisi, c'è anche un residence di San Vito Lo Capo

C'è anche un complesso turistico residenziale di Calamancina, a San Vito Lo Capo, tra i beni confiscati - per un totale di 150 milioni di euro - all'imprenditore di Cinisi, Andrea Impastato, di 72 anni. Il provvedimento emesso dal Tibunale di Palermo su richiesta del Procuratore è stato eseguito dalla Polizia. Le indagini patrimoniali, avviate dalla Divisione Anticrimine della questura di Palermo - Ufficio Misure di Prevenzione patrimoniali - hanno permesso di ricostruire il patrimonio illecito di cui Impastato risultava poter disporre, anche attraverso una platea di prestanome e fiduciari che gli hanno consentito di realizzare un impero economico costituito da numerose imprese attive nel settore edile, in quello dei trasporti, dell'estrazione del materiale da cava, del turismo, da numerosi beni immobili. Tra i beni confiscati, oltre al residence di San Vito Lo Capo, anche a un complesso immobiliare adibito a centro commerciale di oltre 50 mila metri quadri a Carini, a una cava tra Carini e Montelepre, a due complessi industriali per lo stoccaggio di merci e per la preparazione di inerti e conglomerati cementizi, a 40 appezzamenti di terreno a Terrasini, Cinisi, Carini, Montelepre, Monreale, San Vito Lo Capo, oltre che a rapporti bancari e finanziari. Andrea Impastato è figlio di Giacomo, detto «u sinnacheddu», esponente mafioso di spicco della famiglia di Cinisi, legato al clan di Gaetano Badalamenti. Il fratello Luigi venne ucciso a Palermo nel 1981 durante la guerra di mafia scatenata dai corleonesi di Totò Riina. L'imprenditore venne arrestato nel 2002 nell'ambito di un'operzione su Giuseppe Lipari, considerato il consulente finanziario di Bernardo Provenzano. Per gli investigatori, era proprio Impastato a gestire le ricchezze dei boss. Le successive indagini fecero emergere i rapporti dell'imprenditore di Cinisi con Bernardo Provenzano e Salvatore Lo Piccolo. Nel 2005 Impastato è stato condannato dalla Corte d'Appello di Palermo per associazione mafiosa a 4 di reclusione e libertà vigilata per un anno: nell 2009 scattò il sequestro dei beni che oggi ha portato alla confisca.

 

Incendiati ulivi secolari

Incendiati ulivi secolari

"Comune Amico"

Paolo Ruggirello è positivo al Sars-Cov 2

Paolo Ruggirello è positivo al Sars-Cov 2

L’ex deputato dell’assemblea regionale della Sicilia, Paolo Ruggirello, è positivo al Coronavirus. Sono partiti i test rapidi per tutti i detenuti della struttura, lui è stato trasferito all’ospedale Cotugno di Napoli. 

Aggiornamento contagi da Covid 19 in provincia di Trapani

Aggiornamento contagi da Covid 19 in provincia di Trapani

I dati ufficiali dell’ASP di Trapani (aggiornati alle ore 18.20 di oggi) registrano, dall’inizio della pandemia due decessi e un totale dei casi positivi di 78 pazienti. Una persona, un paziente di Trapani, che era in isolamento domiciliare, è guarito ed è risultato negativo per due volte dopo il periodo di quarantena.

Rinfresca il tuo sito