Tallarita: "Soppressione dei passaggi a livello, Tranchida non può essere l'unico interlocutore"

Il presidente dell'associazione Misiliscemi chiede il rinvio della discussione fino alla nomina del commissario del nuovo Comune

Tallarita:
Scrivi -Luigi Nacci- per Consiglio comunale Erice

L’associazione Misiliscemi ha chiesto il rinvio della conferenza di servizi convocata per domani per discutere degli interventi da realizzare lungo la linea ferroviaria Alcamo-Trapani diramazione. La maggior parte dei siti interessati, sottolinea il presidente Salvatore Tallarita nella nota indirizzata all’amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana, ricadono nel territorio delle frazioni a sud di Trapani che, dallo scorso mese di febbraio, sono comune autonomo. Il progetto prevede la soppressione di tre passaggi a livello a Marausa e Locogrande. Interventi che incideranno pesantemente sull’assetto viario delle due frazioni. Il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, rileva l’associazione Misiliscemi, non può quindi essere l’unico interlocutore, considerato che un’eventuale approvazione del progetto da parte della conferenza di servizi comporterebbe il vincolo preordinato agli espropri degli immobili, che dovranno essere necessariamente indirizzati al nuovo ente. Tallarita chiede quindi a Rete Ferroviaria Italiana di rinviare la conferenza in attesa della nomina del commissario del Comune di Misiliscemi. Una questione, quella posta dall’associazione, che, come sottolineato venerdì scorso nell’ambito dell’assemblea dei soci, investe anche altre opere e progettazioni in fase di realizzazione.