Pd, ricorso di Venuti contro Safina: interviene Brillante

L’ex segretario comunale del partito invita tutti a rimanere uniti

Pd, ricorso di Venuti contro Safina: interviene Brillante

Ha rotto il lungo silenzio che lo ha contraddistinto negli ultimi anni, dopo aver espletato il ruolo di segretario comunale del PD di Trapani.

Francesco Brillante adesso è Componente della Assemblea e della Direzione Regionale PD oltre che Componente della Direzione Provinciale, e dice la sua sulla spaccatura del suo partito in merito alla vicenda Venuti-Safina: 

"Alla luce delle molteplici voci che si sono solevate in queste ore, ritengo doveroso rompere un periodo di lungo silenzio, per cercare di ricomporre i toni di una discussione vertente su questioni poco politiche, e a parer mio anche meno interessanti dei reali e prossimi obiettivi".

Invita le parti a mantenere la vicenda negli ambiti della giustizia ordinaria e a non farla scoppiare come caso politico. Ma il caso, ormai, ha travalicato i confini della politica e appare come l'inizio di un "redde rationem" fra varie componenti. 
Brillante avverte il dovere di provarci lo stesso e spiega: "Venuti ha presentato un ricorso. In un Tribunale, non ha insultato nessuno, né millantato. Ha esercitato un diritto. Vicende di questo tipo, una volta nelle mani della giustizia, non devono, e non possono, diventare oggetto di discussione.

Indipendentemente dalla convinzione personale sui fatti oggi di dominio pubblico, la cultura che contraddistingue questo partito, e l’estrema fiducia nella magistratura è l’unica via da perseguire. 

Personalmente, senza entrare nel merito della questione, trovo poco compatibile con i principi di, sostanziale e concreta, giustizia che sono patrimonio dello Statuto del nostro Partito, perorare posizioni che, pur senza diretta intenzione, appaiono avere un sottotesto di inibizione all’esercizio di un diritto alla giustizia. 

Al Segretario Provinciale, tra l’altro candidato, non riconosco alcun ruolo di garante della lista, men che meno di garante di altre candidature al di fuori della propria. Il Ruolo è invece della Direzione Regionale, di cui lo scrivente, Venuti, ed anche l’on. Safina, siamo componenti e che ha approvato le candidature, e anche di più: ha approvato di rassegnare al Segretario Regionale l’onere di definire la lista stessa. 

Sul piano squisitamente del risultato elettorale invito tutti a riflettere sul fatto che il primo della lista PD ha conquistato il buon risultato su  5400 voti, ma il Partito Democratico ha avuto la fiducia di oltre 24 mila elettori risultando prima lista ben al di là dei meriti dei singoli candidati. Elettori e votanti di cui circa 4/5  potrebbero non avere interesse alle discussioni inerenti tra i sostenitori di Safina o di Venuti, ma bensì avrebbero interesse e meriterebbero che questo partito si dimostri capace di proposte politiche serie e condivisibili nei territori che amministra, ed ancor di più in quelli che non amministra. 

Per tanto, invito tutti a non disperdere opportune energie in questioni diverse dalla costruzione di una proposta politica, anche e sopratutto a Trapani che tra poco andrà alle urne, e non confondere il piano politico con le proprie preferenze elettorali, perchè, numeri alla mano, non è un ragionamento che pagherebbe. 

Abbiamo ancora tanto da fare, insieme al Segretario Venuti, insieme all’On. Safina, insieme ad ognuno di noi."