Mafia: condannato a 12 anni Giuseppe Costa

L'uomo fu uno dei carcerieri del piccolo Giuseppe Di Matteo

Mafia: condannato a 12 anni Giuseppe Costa
Scrivi -Luigi Nacci- per Consiglio comunale Erice

ll gup di Palermo ha condannato a 12 anni di reclusione Giuseppe Costa. Il processo si è svolto con il rito abbreviato. L'uomo, originario di Custonaci, era stato arrestato nel corso di un bitz messo a segno dai carabinieri e dalla Dia di Trapani. Costa è stato indicato come trait-d'union tra mafia, politica ed imprenditoria. Sposato con la figlia del killer di mafia e uomo di fiducia del boss trapanese Vincezo Virga, l'uomo fu anche uno dei protagonisti della detenzione del piccolo Giuseppe Di Matteo. Nella sua abitazione di Purgatorio venne costruita una cella in muratura che ospitò per un periodo il figlio del pentito Santino Di Matteo. Per quel sequestro venne arrestato e rimase in carcere dal 1997 fino al 2017.  A distanza di poco più di un mese, dalla scarcerazione, i militari dell'Arma avevano iniziato nuovamente a documentare i suoi contatti con i vertici della mafia di Trapani e Marsala. Nel corso delle indagini è stato documentato anche un summit in cui si sarebbe parlato delle elezioni regionali del 2017 e di investimenti da programmare nel settore della raccolta dei rifiuti inerti. Il nome di Costa era emerso anche nelle carte dell'operazione Scrigno.