Il fotografo Marck Lyon racconta i volti dell’immigrazione nei centri di Badia Grande

Il fotografo Marck Lyon racconta i volti dell’immigrazione nei centri di Badia Grande
Scrivi -Luigi Nacci- per Consiglio comunale Erice

L’altro volto dell’immigrazione negli scatti del fotografo californiano Marck Lyon. Protagonisti, i beneficiari delle strutture di accoglienza del progetto SAI di Marsala, gestite dalla cooperativa sociale BadiaGrande. Il professionista americano, già professore alla Columbia University, con  esperienza nell’ambito della moda- sue alcune delle foto più celebri sulla rivista Vogue-, da 25 anni lavora a Parigi e dal 2014, attraverso la fotografia, analizza il fenomeno migratorio portando alla luce l’altra faccia dell’immigrazione, lontana dagli stereotipi culturali e sociali. Grazie all’intuizione del marsalese Ugo Casubolo, che vive a Parigi ma che mantiene salde le sue radici con la Sicilia, terra per eccellenza dell’accoglienza, e alla fattiva collaborazione dell’amministrazione comunale di Marsala, questa mattina, presso il centro di Paceco, Marck Lyon ha immortalato le beneficiarie ospiti della struttura. Le foto saranno esposte in una mostra dal titolo “ Free Contact” a Bordeaux , in Francia. Una particolarità del suo lavoro è l’utilizzo di una macchina fotografica analogica, realizzata a mano, in legno, risalente a ben 45 anni fa. Uno strumento lento, il cui utilizzo denota la cura per i particolari e l’attenzione nei confronti del soggetto che l’artista sta fotografando.