Qualità della vita: per Confartigianato Trapani è preoccupante il dato sulle imprese

Qualità della vita: per Confartigianato Trapani è preoccupante il dato sulle imprese
Scrivi -Luigi Nacci- per Consiglio comunale Erice

"Una classifica preoccupante che dovrebbe far aprire gli occhi su quale sia la situazione attuale, purtroppo abbastanza critica, della Provincia di Trapani". È questo il commento di Emanuele Virzì, Presidente di Confartigianato Imprese Trapani, dopo la pubblicazione dell’ormai nota indagine sulla Qualità della vita che vede la nostra provincia al terz’ultimo posto. Tra i sei indicatori, Trapani peggiora in cinque tra cui “Affari e lavoro”, con posizione al 99° posto, perdendo un posto rispetto allo scorso anno.  A preoccupare è soprattutto il settore del lavoro e, nello specifico, i seguenti criteri: nuove imprese, imprese cessate, imprenditorialità giovanile, imprese che fanno e-commerce e start up innovative. Secondo “Il Sole 24 Ore”, infatti, sono soltanto 3,8 (su 100) le nuove imprese mentre 2,4 (sempre ogni 100) le imprese cessate. Poche, poi, le imprese giovanili con titolari under 35 (soltanto lo 0,1 %) e le start up innovative (2,6 ogni 1000). Per quanto riguarda le imprese che fanno e-commerce, poi, il dato è sconcertante: 0,0 %. "Da sempre – commenta Emanuele Virzì – Confartigianato Trapani si occupa delle imprese, aiutando i titolari in ogni passo da affrontare, dagli aiuti finanziari fino all’e-commerce. Nonostante il periodo di pandemia che stiamo affrontando, a Trapani si continua ad investire nelle imprese, viste come un buon futuro soprattutto per i giovani, come è stato dimostrato dal saldo del III trimestre 2021 di “Movimprese”. Ma questo non basta: bisogna continuare a lavorare e il disastroso posizionamento della Provincia di Trapani deve essere visto come un trampolino di lancio per creare qualcosa di importante, con l’aiuto delle diverse istituzioni politiche amministrative, provinciali e regionali".