Dodici persone soccorse dalla Guardia Costiera nel weekend di Ferragosto

Dodici persone soccorse dalla Guardia Costiera nel weekend di Ferragosto

Sono dodici le persone soccorse dalle motovedette della Guardia Costiera di Trapani e gli uffici marittimi di Favignana, San Vito Lo Capo, Castellammare del Golfo e Marettimo, nel corso del weekend di Ferragosto. 

Primo intervento alle 17,00 di sabato, quando la motovedetta CP 770 di Trapani è intervenuta per soccorrere un uomo alla guida di un'imbarcazione per le escursioni alle Egadi. L'uomo è stato colto da un malore mentre si trovava al largo dell'isola di Levanzo, perdendo conoscenza e laciando i turisti a bordo un balia della corrente e del forte vento. Giunta sul posto la motovedetta CP 770,  parte dell'equipaggio è salito a bordo del natante per prenderne il controllo. Sul posto è giunta anche l'idroambulanza da Favignana per soccorrere l'uomo. 

Stabilizzato il malcapitato, l'imbarcazione con i turisti a bordo e l'idrambulanza hanno raggiunto il porto di Favignana. L'uomo è stato affidato alle cure dei sanitari del 118. 

Altro intervento di soccorso domenica, alle ore 11,00 nei pressi dell'isolotto di Formica, dove il personale del battello veloce G.C. della Guardia Costiera di Trapani, impegnato nelle attività di vigilanza nelle acque antistanti le Egadi, hanno intercettato un'imbarcazione a vela con a bordo una persona con una grave ferita lacero contusa alla mano. Immediatamente i militari della Capitaneria di Porto hanno affiancato la barca, trasbordando il ferito trasferito presso il porto di Trapani. 

Domenica pomeriggio invece, alle ore 19,30 circa, la motovedetta CP 849 di Trapani è intervenuta in prossimità delle acque di Nubia, dove un diportista con la propria imbarcazione a motore si era incagliato nei bassi fondali presenti in zona. La motovedetta della Guardia Costiera è rimasta in assistenza del natante fino al definitivo disincaglio eseguito da altro mezzo navale contattato. L'imbarcazione che a causa di una falla imbarcava acqua, è stata poi scortata fino in porto a Trapani, evitando cosi’ l’affondamento in una zona di mare vicina all’area della riserva naturale orientata delle saline di Trapani e Paceco.