Omicidio a Marsala: convalidati i cinque fermi

Omicidio a Marsala: convalidati i cinque fermi

Il gip presso il tribunale di Marsala, Sara Quittino, ha convalidato gli arresti effettuati dalla Squadra Mobile di Trapani, per l'omicidio del ventottenne Luigi Loria, ucciso con due fendenti nella notte tra giovedì e venerdì. Convalidato anche il fermo del sedicenne che avrebbe partecipato alla rissa, finita in tragedia, scoppiata di fronte la pizzeria Carpe Diem, nel centro storico della città. Il giovane sarà trasferito dal carcere minorile "Malaspina" ad una comunità che sarà individuata dal Centro di giustizia minorile. Rimangono invece in carcere i due romeni maggiorenni. Si tratta di Constantin Tapu, di 38 anni, e Ion Nadoleanu, di 20. E' stato proprio il ventenne, secondo l'accusa,  a sferrare le coltellate a Loria. Alla richiesta di confermare la custodia cautelare in carcere per i due si era associato anche l’avvocato difensore, Vincenzo Forti. “Ciò anche nell’interesse dei miei assistiti” ha spiegato il legale. Le accuse a vario titolo contestate ai tre romeni sono rissa, omicidio volontario e porto abusivo di arma da taglio. Per il fratello e la sorella dell’ucciso, invece, accusati di rissa aggravata, il gip, dopo la convalida dei fermi, ha disposto i domiciliari per Giuseppe Loria, di 26 anni, e rimesso in libertà Katia Loria, di 20. Per lei è scattato l'obbligo di dimora a Marsala.