Pastore morto a Pizzolungo: soccorsi difficili, corpo recuperato in tarda serata

Il racconto di una testimone: "Abbiamo vissuto ore di angoscia"

Pastore morto a Pizzolungo: soccorsi difficili, corpo recuperato in tarda serata

Solo in tarda serata i Vigili del Fuoco di Trapani sono riusciti a recuperare il corpo di Nunzio Virgilio, di 44 anni, precipitato in un burrone, all'altezza di nono chilometro, a Pizzolungo, in seguito ad un malore. L'uomo era parecchio conosciuto e tanti sono i messaggi di cordoglio lasciati da amici e conoscenti su Facebook. Il quarantaquattrenne si trovava al pascolo con il suo gregge di pecore quando ha avuto un malore improvviso. L'uomo ha avuto il tempo di avvisare al telefono il fratello e la madre prima di perdere i sensi. “Che tragedia. L'abbiamo vissuta in diretta", racconta Roberta Gatani, che si trovava sul posto assieme al figlio e i suoi cani. "Mi trovavo lì a passeggiare  - prosegue -   quando la mamma di questo signore è arrivata dopo una telefonata del figlio che la avvisava di un malore. Ho vissuto con questa donna ore di angoscia sperando fino all’ultimo che potesse farcela. Inutilmente. Un grazie particolare ai paramedici che sono giunti sul posto, ai vigili del fuoco e al soccorso Alpino che fino a notte fonda hanno tentato di recuperare il corpo. Ma un grazie particolare a mio figlio, che viste le difficoltà di tutti loro nel capire come raggiungere il luogo impervio in cui l’incidente era avvenuto, si è caricato subito lo zaino del medico sulle spalle e ha fatto da guida su per la montagna, fino a portarli li, quasi di corsa, sperando di fare in tempo”.