"Aegades", revocato obbligo di dimora per ex direttore dell’Area Marina Protetta

Un'altra misura cautelare è stata revocata dopo l'operazione della Guardia di Finanza “Aegades” dello scorso 17 luglio. 

Il Gip di Trapani, Emanuele Cersosimo, ha emesso un'ordinanza di revoca dell’obbligo di dimora a Roma e dell’interdizione dai pubblici uffici nei confronti di Stefano Donati, ex direttore dell’Area Marina Protetta Isole Egadi, indagato nell’ambito dell’inchiesta delle Fiamme Gialle. 

La decisione del Giudice per le Indagini Preliminari "è scaturita - si legge in un comunicato stampa diffuso dal Comune di Favignana - all'esito delle dichiarazioni rese da Stefano Donati, e dalla corposa documentazione prodotta dallo stesso nel corso dell'interrogatorio di garanzia svoltosi a Trapani il 24 luglio 2020". 

"L'istanza avanzata dal difensore - scrive il Gip nel nuovo provvedimento - merita accoglimento in virtù dell'attenuazione dei gravi indizi di reità e delle esigenze cautelari nei confronti del Donati”, considerando che “l'autorizzazione all'utilizzo dell'autovettura elettrica in dotazione all'AMP rilasciata dal Sindaco Antinoro in data 14.07.2011 dimostra l'insussistenza del reato di peculato” e che “la documentazione prodotta dalla difesa in ordine alle modalità di svolgimento dei bandi per l'affidamento dei servizi dell'AMP, induce a ritenere che gli indizi raccolti dagli inquirenti non siano dotati di quella gravità necessaria al mantenimento delle misure cautelari applicate al Donati (con particolare riferimento alla mancanza delle necessarie forme di pubblicità dei bandi per l'affidamento dei servizi sostenuta dalla Guardia di Finanza)”. 

Sefano Donati è stato Direttore dell’Area marina protetta “Isole Egadi” dal novembre 2010 al giugno 2018; con la revoca della misura cautelare, ha potuto riassumere immediatamente le funzioni di direttore dell'Ente Parco Nazionale del Vesuvio, che ricopre dal luglio 2018.

Rinfresca il tuo sito