Rinviato a giudizio l'ex vescovo di Trapani, Miccichè

Per lui l'accusa di peculato. Udienza ad ottobre

Rinviato a giudizio l'ex vescovo di Trapani, Miccichè

I fatti contestati dalla Procura risalgono al 2007 e riguardano due conti correnti sui quali venivano fatte confluire le risorse che l'allora vescovo di Trapani avrebbe sottratto, mettendo "in atto un disegno criminoso con una serie di azioni realizzate in tempi diversi".
Oggi Francesco Miccichè è stato rinviato a giudizio dal Gup di Trapani per peculato. Si tratta di una delle vicende che ruotano attorno al cosiddetto "Caso Curia" che, nel 2011, fece scattare le indagini sulla gestione finanziaria della Diocesi di Trapani.
L'allora vescovo Miccichè venne rimosso da Papa Benedetto XVI in seguito a una visita ispettiva eseguita dal "visitatore apostolico", monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo.

Il rinvio a giudizio è stato fissato al prossimo 1 ottobre.




Rinfresca il tuo sito