Coffe Break di Giusi licata

Anti racket, nasce coordinamento a Trapani

Anti racket, nasce coordinamento a Trapani

Su proposta dell'associazione antiracket e antiusura di Trapani, è stato istituito un coordinamento, tra associazioni operanti nel territorio, per l'avvio di iniziative volte a sensibilizzare la società civile su temi quali la lotta all'usura,alle estorsioni, alla microcriminalità  la tutela dell'ambiente,la lotta al lavoro nero ed irregolare. 
 
La decisione è stata assunta al termine di un incontro svoltosi nell'ex gioielleria del boss mafioso.  Vincenzo Virga (bene confiscato). Ne fanno parte Vincenzo Maltese e Vito Crimi per l'associazione Co, di,  Ci (di Trapani  e Castelvetrano), Fabrizio Fonte per il centro studi Grammatico, Paolo Salerno per l'associazione Trapani Welcome, Salvatore Novara per l'Associazione Trapani per il Futuro, Gianni Di Malta per Saman e Gruppo Anteo ed inoltre Giovanni Burgarella e Vita Polisano, storici esponenti della società civile impegnati da sempre nella lotta contro tutte le illegalità .
 
L'incontro è stato l'occasione per un approfondito esame e riflessione sul degrado morale,sociale ed economico in cui versa il territorio e che sembra inarrestabile.L'evolversi delle vicende giudiziarie delle ultime settimane, infatti, integrano quanto già emerso da altre indagini (in particolare, Scrigno) e fanno emergere non solo il preoccupante e costante rapporto di frequentazioni, e ricerca di interscambio di favori e relazione fra mafia e politica, ma anche ricerca di soluzioni, non lecite, ai più svariati problemi oltre all'assenza di cultura per la legalità e mancanza di rispetto delle Istituzioni da parte, anche, di soggetti - a volte investiti di cariche istiuzionali -che ritengono "normale" relazionarsi con chi opera nell'illegalità. 

Rinfresca il tuo sito