Covid-19, a Trapani le regole si fanno più morbide

Ecco cosa prevede la nuova ordinanza sindacale

Covid-19, a Trapani le regole si fanno più morbide

Con propria ordinanza il sindaco di Trapani ha disposto alcune modifiche all’Ordinanza. n. 102 del 09/07/2020 avente come oggetto le disposizioni straordinarie per l’emergenza sanitaria da COVID19.

Fondamentalmente le misure di prevenzione basilari non sono cambiate. Corre sempre l’obbligo di portare con sé la mascherina e indossarla all’occorrenza, e di rispettare le norme igieniche. Ma qualcosa, con propria ordinanza di due giorni fa, il sindaco di Trapani l’ha cambiata e riguardano, in particolare, le strutture comunali aperte al pubblico. Il Campo CONI e le due ville comunali, soprattutto. Sarà consentito l’uso dei servizi igienici.

In particolare al campo CONI sarà consentito l’uso dei servizi igienici presenti al di sotto della tribuna (dove sono presenti servizi igienici separati per donne e per uomini), nonché di quelli presenti nell’immobile a margine della pista (in cui però non sarà possibile fruire delle docce); lo spazio “spogliatoi” potrà essere utilizzato nel rispetto del distanziamento fisico di almeno un metro delle persone che ne fruiscono. Gli operatori del campo CONI provvederanno a pulizia e disinfezione regolare degli stessi servizi e dell’area spogliatoi; tutti i lavandini saranno dotati di dispenser con sapone liquido e rotolo di carta per asciugare le mani.

Per quanto riguarda le due ville, invece, ecco cosa cambia.
Orario di apertura di entrambe le ville: tutti i giorni da lunedì a domenica dalle ore 8 alle 13 e dalle ore 16 alle 22; • l’ingresso alla Villa Margherita e villa Pepoli sarà libero nel numero di cittadini che vorranno fruirne. Tuttavia, gli operatori dovranno vigilare su: - rispetto del distanziamento fisico di almeno un metro fra persone non insieme; - che i fruitori indossino una protezione naso-bocca. salvo impedimenti di altra natura e per altre ragioni, tutti gli ingressi alla villa potranno essere aperti; •ad ogni ingresso sarà collocato un dispenser di gel idroalcolico per il lavaggio delle mani; è consentita l'apertura al pubblico dei servizi igienici di cui dovrà essere assicurata regolare pulizia e disinfezione; i lavandini saranno dotati di dispenser con sapone liquido e rotolo di carta per asciugare le mani; •le fontane presente all’interno delle due ville potranno essere attivate.

Ma andiamo avanti, le integrazioni riguardano anche il cimitero comunale. L’ingresso al cimitero sarà consentito ad orari stabiliti (lunedì e giovedì dalle ore 8 alle 17, tutti gli altri giorni, compresa la domenica, dalle ore 8 alle ore 13) e sarà libero nel numero di cittadini che vorranno fruirne. Sono possibili anche le celebrazioni all’interno della Chiesa del Cimitero a condizione che vengano rispettate le prescrizioni adottate a livello nazionale per quanto attiene i luoghi di culto; Per le operazioni di inumazione, tumulazione di feretri, di sepolture comunque denominate di urne cinerarie e di cassette di ossa esumazioni ed estumulazioni, le stesse saranno effettuate previa delimitazione ed interdizione dell’area in cui si svolgono tali operazioni e con la presenza dei soli congiunti prossimi che rispetteranno le misure precauzionali (distanza di sicurezza e mascherina chirurgica o di “ comunità” e non con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa); L’accesso delle salme al cimitero, anche provenienti da altri comuni, verrà assicurata dal lunedì al sabato, esclusi domenica e giorni festivi nei seguenti orari: dalle ore 10,00 alle ore 15,30.

Capitolo a parte per le spiagge.

Ecco le norme di comportamento diramate dagli uffici comunali: evitare sempre contatti ravvicinati mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone; • nei luoghi affollati dove non è possibile mantenere una distanza interpersonale maggiore di un metro coprirsi bocca e naso con una mascherina chirurgica o “di comunità”; non sono consentite mascherine con valvole perché proteggono solo chi le indossa; in condizioni di forte vento prestare particolare attenzione al distanziamento fisico: aumentarlo se lo si reputa necessario, o indossare una protezione naso-bocca se ciò non fosse possibile; • evitare abbracci e strette di mano. • non usare bottiglie e bicchieri usati da altri; • non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani. Se non si può evitare, lavarsi comunque le mani prima e dopo il contatto; • in caso di starnuti, coprirsi naso e bocca con fazzoletti monouso. Se non se ne hanno, usare la piega del gomito; • lavarsi spesso le mani con gel idroalcolico; • dove la spiaggia è organizzata con spazi delimitati si raccomanda di posizionare gli ombrelloni (o altri sistemi di ombreggio) in maniera da garantire una superficie di almeno 10m2 per ogni ombrellone. Deve essere garantita la distanza di almeno 1,5 m fra le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio) se non posizionate nel posto ombrellone; • utilizzo degli spazi delimitati in spiaggia: lo spazio delimitato può essere usato da un massimo di 5 persone appartenenti allo stesso nucleo familiare. Se usato da persone non conviventi, il numero massimo è ridotto a due in modo da assicurare il distanziamento previsto fra le attrezzature di spiaggia; • è vietata la pratica di attività ludico-sportive di gruppo che possano creare assembramenti. È consentita la pratica di sport individuali (nuoto, surf, windsurf, kitesurf), nel rispetto delle misure di distanziamento interpersonale.

Rinfresca il tuo sito