Trapani, è morto il giornalista Nino Donato

Trapani, è morto il giornalista Nino Donato

Ha sorpreso, oggi, l’improvvisa morte di Antonino “Nino” Donato, a causa della malattia che negli ultimi tempi lo aveva costretto ad interrompere l’attività giornalistica.

Il prossimo 11 dicembre avrebbe compiuto 75 anni, ma a dispetto dell’età, Nino manteneva l’animo di un eterno ragazzo, spesso sorridente e sempre pronto alla battuta tra colleghi.

Quello del giornalismo, attraverso la collaborazione quasi quarantennale con il Giornale di Sicilia, era l’ultimo impegno quotidiano che gli era rimasto, dopo la pensione da dipendente della Provincia regionale e da sindacalista; tutte attività che aveva coniugato in passato, aggiungendo anche la direzione responsabile di parecchie testate giornalistiche, sia televisive che di carta stampata, soprattutto a partire dagli anni Novanta.

Al Giornale di Sicilia, dopo l’esordio come corrispondente da Paceco, era diventato presto una presenza stabile nei locali della redazione di Trapani, dove scriveva soprattutto di sanità, di pubblica amministrazione e di sindacati, tirando fuori dalla corposa agenda che portava sempre appresso, di volta in volta, appunti, documenti, comunicati stampa, non necessariamente recenti ma sempre utilissimi per completare quotidianamente le pagine del giornale. Tanto che il responsabile della redazione, il compianto Enzo Tartamella, in più occasioni lo aveva definito il suo “primo cronista”.

Tra un articolo e l’altro, si scherzava e si conversava volentieri con lui, per i suoi modi garbati e a tratti divertenti, in un misto di sottile ironia e goliardia.

I suoi funerali saranno celebrati domani pomeriggio, con inizio alle 16, nella chiesa di San Michele. Ci ritroveremo lì, accanto all’ospedale, Nino, e ricordati: “Amica, amica…”

Rinfresca il tuo sito