Alcamo, sequestrate 10 mila mascherine illegali

Alcamo, sequestrate 10 mila mascherine illegali

Diecimila mascherine di origine cinese sequestrate dai finanzieri del Nucleo Economico Finanziaria di Trapani, nell'ambito di una attività di controllo finalizzata  ad individuare le filiere di distribuzione di articoli sanitari e medicali sprovvisti delle formali attestazioni dei requisiti di sicurezza previsti dalla normativa comunitaria e nazionale. I militarib delle Fiamme Gialle hanno individuato un commerciante palermitano operante nel settore dell’e-commerce intento alla vendita al pubblico di alcune mascherine di provenienza cinese. In particolare l’interessato, alla richiesta delle Fiamme Gialle trapanesi circa la provenienza della merce in vendita, aveva ammesso di avere acquistato migliaia di mascherine provenienti dalla Cina tramite una nota multinazionale di trading on line, senza preoccuparsi in realtà di verificare la sussistenza della documentazione formale che ne attestasse il possesso dei prescritti requisiti di sicurezza per il commercio in ambito U.E. L’immediata ispezione dei locali aziendali ed il rapido riscontro della documentazione a corredo dei dispositivi chirurgici e di protezione individuale consentiva ai finanzieri di rilevare la messa in vendita di oltre 10 mila mascherine, di cui oltre 2 mila del tipo “KN95/FFP2” e quasi 8 mila “chirurgiche”. Entrambe le tipologie di prodotto sono risultate prive di certificazione valida per l’immissione in commercio, anche in deroga, nonostante recassero tutte il marchio “CE” illegalmente apposto sulla parte frontale. L’illegale apposizione del marchio “CE” avrebbe così ingenerato nei potenziali acquirenti il fallace affidamento sulla qualità dei prodotti commercializzati, che peraltro, nel caso dei dispositivi di protezione individuale (ossia le mascherine cd. “KN95/FFP2”), venivano esposti in vendita con un poderoso ricarico di oltre il 500%: tali dispositivi infatti, costati al lordo delle spese di spedizione circa 1,50 euro l’uno, erano offerti al pubblico al prezzo unitario di 8,00 euro. I militari hanno quindi proceduto al sequestro di tutta la partita di merce, complessivamente pari a 10.116 mascherine, nonché della relativa certificazione e documentazione fiscale, denunciando il gestore del punto vendita per i reati di cui all’art.515 (frode in commercio) e 474 del codice penale (contraffazione). D’intesa con l’Autorità Giudiziaria procedente, dopo avere periziato il materiale ed avendo accertato che le mascherine sequestrate sono comunque idonee ad un utilizzo a scopo protettivo, si è proceduto alla loro assegnazione al Dipartimento di Prevenzione dell’A.S.P. di Trapani per l’eventuale impiego nell’ambito delle strutture sanitarie a basso rischio. L’operazione in rassegna conferma l’impegno del Corpo della Guardia di Finanza nel prevenire e reprimere pratiche commerciali illecite, a tutela di tutti i cittadini e delle imprese che operano nel pieno e consapevole rispetto delle norme.

Rinfresca il tuo sito