Coffe Break di Giusi licata

Ritrovate tracce di vernice sulla Vulcanello

Ritrovate tracce di vernice sulla Vulcanello

Tracce di vernice bianca sono state individuate sulla prua della petroliera Vulcanello attualmente sotto sequestro al porto di Augusta. I 25 reperti prelevati dagli uomini del Ris verranno confrontati domani con il materiale fornito dai familiari dei tre uomini di equipaggio del motopesca "Nuova Iside" affondato nella notte tra il 12 ed il 13 maggio nelle acque tra San Vito Lo Capo e l'isola di Ustica. Elementi che potrebbero fornire nuova luce su cosa sia successo L’ipotesi è quella di una collisione con la petroliera, che era in navigazione nello stesso tratto di mare. La procura di Palermo ha iscritto nel registro degli indagati, con l’accusa di omicidio colposo e omissione di soccorso, il comandante della petroliera,  l’armatore della società Augustadue del gruppo Mednav e due ufficiali di plancia. Il relitto del “Nuova Iside” è stato localizzato a 1400 metri di profondità in una zona di mare a circa 30 miglia a nord ovest di Palermo, grazie all’impiego dei sensori della nave e di un veicolo filoguidato del Comando Subacquei e Incursori (Comsubin). Ieri nel mare di Gioia Tauro è stato recuperato un cadavere. Potrebbe trattarsi del corpo di Vito Lo Iacono, 26 anni, il terzo marinaio ancora disperso. La famiglia, fa sapere l’avvocato Aldo Ruffino, è disponibile a collaborare e fornire il Dna per un eventuale confronto con quello del corpo recuperato in Calabria, anche se i familiari nutrono dubbi sulla possibilità che il corpo di Vito possa essere stato spinto dalle correnti fino alla costa calabra. In questi giorni la nave della Marina Militare tornerà di nuovo sul luogo dove si trova il peschereccio affondato e con un robottino cercherà di entrare all’interno dello scafo per accertare l’eventuale presenza del copro del marinaio ancora disperso, che potrebbe essere rimasto intrappolato sotto coperta. (fonte Ansa)

Rinfresca il tuo sito