Chiusa filiale Unicredit a Salemi, il comune presenta un esposto

Chiusa filiale Unicredit a Salemi, il comune presenta un esposto

Il Comune di Salemi, guidato dal sindaco Domenico Venuti, ha presentato un esposto in procura, dopo la chiususra della filiale dell'Unicredit nella cittadina del Belìce, per interruzione di pubblico servizio. L'atto fa seguito ad una diffida che lo scorso 29 marzo era stata inviata dall'amministrazione comunale all'istituto bancario affinchè disponesse "l'immediata riapertura della filiale". Da oltre dieci giorni, infatti, gli uffici dell'Unicredit sono chiusi: da quando un'ordinanza del presidente della Regione, Nello Musumeci, ha dichiarato la città "zona rossa" per via dell'aggravarsi dell'emergenza sanitaria dovuta al coronavirus. Il comune contesta la decisione del gruppo Unicredit, ricordando che quello offerto dalle banche rientra tra i cosiddetti "servizi pubblici essenziali", sottolineando come la chiusura della filiale sia avvenuta senza alcuna previsione di misure alternative di erogazione dei servizi bancari non realizzabili attraverso l'internet banking o via telefono: ai salemitani, infatti, al momento vengono precluse operazioni come versamenti di denaro contanti o assegni "con grandissimo evidente danno - evidenzia il Comune  - per l'economia locale". Chiudere gli uffici dell'istituto bancario, secondo l'Amministrazione, è dunque un atto "incocepibile  ed inaccettabile" che penalizza i salemitani, visto anche il divieto di allontanamento dal territorio comunale che impedisce di spostarsi nelle filiali dei comuni vicini. 

Rinfresca il tuo sito